. Russia - Circoscrizione Centrale federale - Storia e cultura
RUSSIA
Mercoledì, 01.04.2020, 11:34
ГлавнаяРегистрацияВход Приветствую Вас Гость | RSS

Menu

Amici del sito
  • Thinkandoit
  • Endeco
  • Regione Marche

  • Sondaggio
    Qual'è il motivo principale della crisi in Ucraina?
    In totale: 23

    Calendario
    «  Aprile 2020  »
    LMaMeGVSD
      12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930

    Storia
    Nei secoli XVI-XVII sul territorio dell’attuale regione Lipetsk iniziarono a sorgere le città fortezza di Dankov (1563), Talitskij, Lebedian’ (1613), Ranenburg (1638), e venne costruita una potente linea di fortificazione: il tratto di sbarramento Belgorodskaja.
    Lo sviluppo della regione è strettamente legato al nome di Pietro il Grande, che cercò le fonti metallurgiche più vicine per i cantieri di Voronež. Nel 1703 su indicazione di Pietro sul fiume Lipovka si iniziarono a costruire stabilimenti metallurgici, vicino ai quali sorse il quartiere operaio "Lipetskie železodelatel’nye zavody”, che nel 1779 diventò il capoluogo distrettuale di Lipetsk all’interno del governatorato di Tambov.
    Nel primo quarto del XVIII secolo le fabbriche di Lipetsk, che producevano metallo, cannoni, bombe, pistole e moschetti, si stavano trasformando nella base produttiva della flotta di Voronezh e del Baltico.
    Ma dopo la morte di Pietro il Grande l’industria di Lipetsk andò in decadenza. In conseguenza alla rivendita delle fabbriche, all’esaurimento delle risorse di combustibile e di legname, e all’incapacità di reggere la concorrenza delle fabbriche del Sud della Russia, alla fine del XVIII secolo le fabbriche di Lipetsk vennero chiuse.
    Nel 1805 per sfruttare le fonti di acque minerali ricche di cloruro di sodio di Lipetsk, Alessandro I ordinò a costruire uno stabilimento termale (il più antico della Russia), dove alla fine del XIX secolo vennero introdotte le cure con il cumis (latte di cavalla fermentato) e la lutoterapia.
    All’inizio del XX secolo a Lipetsk lavorarono due fonderie di ghisa, una distilleria, uno zuccherificio, alcune fabbriche di candele e concerie, un tabacchificio. Un’altra grande città fu Yelets. Vi si aprì il primo silo della Russia (1888), si svilupparono l’industria della lavorazione della pelle e la produzione del tabacco, e operarono officine ferroviarie ed un deposito per locomotive.
    All’inizio del XX secolo iniziarono a costruire nuove grandi fabbriche: nel 1902 lo stabilimento metallurgico "Svobodnyj Sokol”, nel 1931 lo stabilimento metallurgico di NovoLipetsk (NMLZ – Novolipetskij Metallurgiceskij Zavod; ora NLMK - Novolipetskij Metallurgiceskij Kombinat, complesso metallurgico di Lipetsk), nel 1943 la fabbrica di trattori di Lipetsk.
    Nel dopoguerra sorsero un tubificio, un’industria di macchine utensili, un cementificio, una fabbrica di motori di avviamento, "Centrolit”, "Zhelezobeton” ed altre imprese; nel 1954 Lipetsk divenne il capoluogo della regione.

    Cultura
    La regione Lipetsk, nonostante sia di recente formazione, possiede un patrimonio culturale significativo. Gli organi di potere regionali pongono molta attenzione agli oggetti della cultura e dell’arte sia nel centro della regione che nei villaggi rurali.
    Oggi sul territorio lavorano più di mille istituti di cultura: 510 palazzi, case e club, 18 musei, una galleria di quadri, una sala di esposizione, più di 50 musei scolastici, ministeriali, pubblici e privati, 538 biblioteche, 38 scuole di musica e pittura, una scuola delle arti, 2 istituti d’arte, 3 organizzazioni per i concerti, 4 teatri professionali, 4 parchi culturali e ricreativi, uno zoo.
    I musei più popolari tra i visitatori della regione di Lipetsk sono:
    • il Museo Etnografico Regionale, che più volte ospitò le collezioni dell’Ermitaž;
    • la Galleria Regionale di pittura, di cui fondi conservano più di 1.000 opere d’arte;
    • i Musei di T. N. Khrennikov, I. A. Bunin e N. N. Zhukov;
    • le gallerie di quadri delle province di Dankov e Lev-Tolstoj fondate dall’emerito artista russo A. I. Platonov e dall’artista popolare N. A. Sysoev;
    • la filiale del Museo L. N. Tolstoj di Mosca nell’abitato urbano Lev-Tolstoj;
    • il Museo delle arti dedicato a V. S. Sorokin – la Casa del maestro, una sala per l’esposizione che nel 2003 ricevette lo status regionale.
    Nella regione si sta sviluppando in modo attivo l’arte popolare, e i gruppi artistici locali divennero famosissimi in Russia ed all’estero. Si ricordano il gruppo di danza "Cosacchi di Russia”, un trio di fisarmonicisti, il coro municipale di Lipetsk, i complessi "Rossijanka”, "Voskresen’e”, "Goritsvet”, "Razdol’e”, "Rodničok”.
    Nella regione si svolgono regolarmente delle manifestazioni culturali, tra le quali si segnalano:
    • Giornate della cultura delle città e delle province, che attivano il lavoro delle istituzioni culturali, delle biblioteche e dei musei.
    • Festival interregionale in memoria di A. P. Mistjukov, che si tiene non solo a Lipetsk, ma anche in tutte le province della regione.
    • Festival "Melikhovskaja vesna” e "Lipetskie teatral’nye vstreči”, che si segnalano per premi statali della Federazione Russa.
    • Festival nazionale dei giovani pianisti in memoria di K. N. Igumnov.
    • Concorso regionale dei cori accademici in memoria di T. N. Khrennikov.

    Informazioni turistiche

    La regione Lipetsk offre molte possibilità per il riposo, il turismo, la cura, la caccia e la pesca sportive. Nei luoghi pittoreschi lungo le rive Don, Krassivaja Meča, Voronež, il bacino di Matyrskij si trovano case e centri curativi, pensioni, colonie per bambini.
    Nella regione si trovano 842 monumenti di archeologia, storia, architettura ed arte. Tra i monumenti riconosciuti a livello federale sono:
    • la Chiesa dell’Immissione a Yelets;
    • la Chiesa dell’Ascensione a Yelets;
    • il Monastero della Madre di Dio a Zadonsk;
    • la Casa del capo stazione ferroviaria di "Astapovo” Osolin, il luogo in cui morì L. N. Tolstoj ad ottobre del 1910 (abitato urbano di Lev Tolstoj);
    • la Chiesa dell’Ascensione a Yelets;
    • la Chiesa Aleksandro-Mikhajlovskaja a Elec.
    Oltre a questo, nella regione troviamo anche altre attrattive turistiche.
    La città di Zadonsk a buon diritto è considerata uno dei centri dell’Ortodossia russa: qui giungono pellegrini da tutta la Russia e dall’estero per vedere le reliquie di Tikhon Zadonskij, le fonti sacre, le cattedrali e i monasteri di quest’antica città.
    Le terme di Lipetsk e di altre località della regione attirano molti turisti grazie alle acque minerali uniche per la composizione e ai fanghi curativi.
    Nella riserva "Galič’ja gora” vivono specie di piante e animali rari e in via di estinzione. Inoltre, sul territorio della regione si trova una parte della riserva di Voronež, riconosciuta a livello internazionale.
    La stazione di selezione Meščerskaja (steppa mista con boschi) è uno dei maggiori giardini botanici della Russia: qui crescono quasi 1.800 specie di alberi e arbusti provenienti dagli angoli più disparati del pianeta.
    Inoltre, ci si sta preparando ad avviare il programma "Lo sviluppo del turismo ricreativo sul territorio della regione di Lipetsk per gli anni 2007-2012”, che prevede la costruzione di un complesso turistico e ricreativo moderno, di alta efficienza e concorrenziale.
    Per entrare


    Statistics

    Chi è on line in totale: 1
    Visitatori: 1
    Utenti registrati: 0

    Ricerca

    Яндекс.Метрика
    Copyright MyCorp © 2020 Создать бесплатный сайт с uCoz
    html counterсчетчик посетителей сайта